Aumenteranno i traghetti tra Bulgaria e Georgia

Bulgaria e Georgia aumenteranno i collegamenti via traghetto tra i loro porti del Mar Nero da due volte a settimana a due volte al giorno. Lo  ha detto il primo ministro bulgaro Boyko Borisov dopo aver incontrato a Sofia lo scorso 16 aprile la sua controparte georgiana Mamuka Bakhtadze.

 “La Georgia – ha dichiarato Borisov –  è un partner importante per noi dall’altra parte del Mar Nero. Essa è un gateway per altri otto paesi della regione e una portas ul Mar Nero.  A proposito dei  traghetti tra i nostri due paesi puntiamo a brevissimo termine ad aumentare il numero di questi collegamenti  (fino a due al giorno)  ed  eliminare tutti gli ostacoli amministrativi, in modo da garantire la connettività tra la Georgia e la regione, i Balcani e l’Europa “.

Successivamente ha aggiunto che ciò avverrà in parallelo con i progetti infrastrutturali che la Bulgaria ha avviato allo scopo di aumentare la capacità dei porti di Varna e Burgas, della rete autostradale e ferroviaria della Bulgaria e dei Balcani.

“In termini di partenariato orientale, dovrebbe esserci una valutazione basata sui meriti. Supporteremo tutti i progetti infrastrutturali relativi alla TEN-T, in termini di connettività digitale, stabilendo una connessione digitale – un cavo ottico  tra Bulgaria e Georgia. Miriamo nei prossimi mesi ad avviare la realizzazione di questo progetto che prevede la posa di un cavo sottomarino nel Mar Nero. Esso offrirà  all’intera regione del Caucaso l’opportunità di  accedere a Internet ad alta velocità e all’infrastruttura digitale esistente in Europa. La Georgia può contare sul nostro sostegno, l’esecuzione del progetto si allinea anche con la nostra legislazione e le nostre politiche “.

Bakhtadze, dal canto suo, ha affermato che negli ultimi anni la Bulgaria è diventata uno dei primi 10 partner commerciali della Georgia, aggiungendo che il suo Paese  intravede il potenziale per estendere ulteriormente in futuro il commercio e la cooperazione economica. Georgia e Bulgaria sono collegate geograficamente: il Mar Nero costituisce un ponte naturale tra i due paesi, offrendo opportunità uniche ed un enorme potenziale, specialmente nel settore dei trasporti, e in particolare l’ulteriore sviluppo dei collegamenti marittimi tra i porti della Georgia (Batumi, Poti) e della Bulgaria (Burgas, Varna).

La Georgia vanta tre porti principali lungo la costa del Mar Nero, Anaklia, Batumi (nella foto) e Poti, e tutti cercano di ritagliarsi un ruolo specifico all’interno dei corridoi commerciali internazionali in espansione della regione, guidati principalmente dalla Cina e da altri paesi asiatici che sono alla ricerca di un accesso più rapido e controllato ai mercati europei.

La chiave  di tutto ciò è la cosiddetta nuova Via della Seta  (che fa parte dell’iniziativa Belt and Road conosciuta anche come One Belt, One Road o OBOR), una strategia economica varata dal governo di Pechino per offrire ai prodotti cinesi  un migliore accesso ai  mercati europei, che comprende l’acquisizione di partecipazioni azionarie nei porti (soprattutto quelli  che sono alla ricerca di finanziamenti per potersi sviluppare) e altri infrastrutture legate al trasporto come pure  accordi di cooperazione con i paesi  lungo le rotte della Via della Seta.

One Comment

  1. It is really great to be known by ferries will get risen to strengthen the relationship between both the countries. and its in connection with of China greater One Belt One Road initiative economic program from China with other countries like Pakistan in partnership with Pak-China Economic Corridor. Its a no doubt the great economic program that definitely bring robust economic changes in their countries

Leave A Comment