Edison noleggia da Knutsen una gasiera che rifornirà il nuovo deposito GNL di Ravenna

Una nave della Knutsen

Edison Spa ha annunciato nei giorni scorsi la stipula con l’armatore norvegese Knutsen OAS Shipping di un contratto di lungo termine di 12 anni (rinnovabile di altri 8) per il noleggio di una nave GNL da 30.000 mc. La nave sarà realizzata da Hyundai Heavy Industries nel cantiere navale di Mipo in Corea del Sud e sarà consegnata nella prima metà del 2021.

L’accordo è propedeutico al progetto Small Scale LNG con cui Edison mira a introdurre nell’Italia continentale il gas naturale liquefatto come combustibile alternativo per la mobilità sostenibile nei trasporti pesanti e marittimi. La nave rifornirà il deposito Small Scale LNG che Edison realizzerà nel porto di Ravenna per la newco Depositi Italiani GNL (51% Pir, 49% Edison). La bettolina potrà approvvigionarsi grazie all’ampio portafoglio di contratti di GNL a lungo termine detenuto da Edison. La nave sarà equipaggiata con un motore duel fuel ad alta efficienza, alimentato a GNL e diesel marino, e sarà dotato di un’unità di liquefazione che permette una maggiore flessibilità operativa e sostenibilità ambientale.

Il deposito, che entrerà in esercizio nel 2021, avrà una capacità di stoccaggio di 20.000 metri cubi di GNL e una movimentazione annua di oltre 1 milione di metri cubi di gas liquido, rendendo disponibile in Italia il GNL per l’alimentazione di almeno 12.000 camion e fino a 48 traghetti all’anno. Edison  utilizzerà l’85% della capacità (la rimanente quota del 15% verrà venduta a terzi da Depositi Italiani GNL).

“Siamo orgogliosi di annunciare questi accordi che consolidano il nostro ruolo di primo importatore in Italia di GNL – afferma Marc Benayoun, Amministratore Delegato di Edison. “Non solo garantiamo al Paese una nuova fonte di approvvigionamento di GNL creando una nuova infrastruttura, ma contribuiamo alla costruzione di un futuro di energia sostenibile permettendo il raggiungimento degli obiettivi della COP21, della direttiva europea DAFI e della SEN grazie all’abbattimento delle emissioni prodotte dai trasporti marittimi e terrestri pesanti che tale nuovo combustibile rende possibile.”

Partner di Edison nel progetto è PIR (Petrolifera Italo Rumena), operatore storico di logistica e stoccaggio del Porto di Ravenna, in qualità di proprietario dell’area di Porto Corsini e concessionario della banchina, garantirà il diritto di superficie per l’uso dell’area, e offrirà i servizi legati all’utilizzo della banchina e al ricevimento delle autobotti.

“PIR è entusiasta delle prospettive di sviluppo del GNL e del progetto di deposito” dichiara Guido Ottolenghi, Amministratore Delegato di PIR. “Si tratta di una grande opportunità per il Paese e per il porto di Ravenna e di una nuova e stimolante frontiera tecnologica e operativa per la logistica dei carburanti. Siamo fiduciosi che l’iniziativa porterà sviluppo al nostro territorio e all’Italia”. PIR,

Edison ha una posizione unica in Italia rispetto alla catena del valore del GNL. Ad oggi è l’unico importatore di GNL di lungo termine in Italia e può quindi garantire la disponibilità continua e duratura del GNL sul territorio grazie a un portafoglio diversificato e all’apertura di un nuovo canale di approvvigionamento dagli Stati Uniti. Lo scorso anno Edison ha firmato un accordo con Venture Global per l’acquisto di circa 1,4 miliardi di metri cubi di GNL dall’impianto Calcasieu Pass in Louisiana.