Ignazio Messina dopo 5 anni torna a scalare il porto di Napoli

Con questa scelta – dichiara la compagnia – ci lasciamo alle spalle tutti i problemi operativi che ci avevano costretto a spostarci a Salerno.

17/06/2018 – La compagnia di navigazione, con sede a Genova, Ignazio Messina & C SpA, una società del Gruppo Messina SpA,  dopo aver effettuto negli ultimi 5 anni operazioni di imbarco e sbarco  di container a Salerno è tornata a scalare ieri  il porto di Napoli con la motonave Jolly Palladio. In realtà navi della Ignazio Messina hanno già toccato di recente il porto di Napoli, come nel caso della la Ro/ro Chodziez che lo scorso 24 maggio ha inaugurato una nuova linea tra Italia e Tunisia. Si stima che con questa novità saranno circa 140.000 i contenitori movimentati all’interno del terminal Co.Na.Te.Co. SpA .

«Il ritorno di Messina a Napoli  – ha dichiarato Pasquale Legora, amministratore delegato della società terminalista, in un’intervista rilasciata al quotidiano “Il Mattino” alcuni giorni fa  – è un segnale molto positivo che, dopo diversi anni di declino, indica una ripresa del traffico».

La riforma del sistema portuale condotta dall’ex ministro dei trasporti Graziano Delrio – ha poi aggiunto – non ha però ancora portato i risultati attesi come ad esempio la riduzione dei costi per gli operatori portuali.

Controllato da Marinvest srl, il Co.Na.Te.Co. SpA (Consorzio Napoletano Terminal Containers) è stato fondato nel 1995, ed è  il maggiore operatore di terminal nel porto di Napoli ed il quarto in Italia. A maggio il Gruppo Messina Spa ha acquisito il 49% del suo capitale.

«Il ritorno a Napoli significa – si legge in una nota della compagnia –  da un lato, un recupero delle origini (le navi Messina hanno scalato all’ombra del Vesuvio dal 1921 al 2013), e dall’altro, anche la convinzione di lasciarsi alle spalle tutti i problemi operativi – principalmente i tempi di attesa per entrare in porto e gli scarsi fondali – che avevano determinato la scelta di lasciare il porto di Napoli».

Questa mossa, secondo quanto dchiara la compagnia, «si basa anche su una sfida di creare insieme al Terminal Co.Na.Te.Co./Soteco – che fa capo al gruppo MSC con il quale i rapporti di collaborazione societaria e operativa sono sempre più stretti e proficui – forme di sinergia che si traducano in un vero e proprio servizio di prima classe per i clienti della Messina nel Centro Sud Italia».

«Il nostro gruppo – osserva infine Ignazio Messina, amministratore delegato della società di famiglia Ignazio Messina & C. e vice presidente della Gruppo Messina Spa – sta attraversando con successo un periodo di complesso cambiamento e riposizionamento. Il nostro futuro non potrà prescindere né da alleanze importanti né dalla capacità di cogliere nella nostra storia quei valori che fanno tutt’oggi del nostro gruppo una delle realtà più importanti dello shipping italiano».