Livorno: Grandi Molini pronta a ripartire

Siglato un accordo per il riavvio delle attività da dicembre. La port authority si è detta pronta a pubblicare un bando per la nuova banchina.

“Finalmente dopo mesi di incertezza sembra essersi accesa una luce di speranza nella vicenda della Grandi Molini Italiani” ha commentato l’assessore al Lavoro del Comune di Livorno, Francesca Martini al termine dell’incontro che si è tenuto per fare il punto sulla procedura di concordato fallimentare in continuità, cui la società è stata ammessa lo scorso 20 maggio.
L’incontro si è infatti concluso con la firma di un accordo che consentirà alla Grandi Molini Italiani di riprendere l’attività a Livorno, seppur non a pieno regime, già a partire dal dicembre prossimo.
Le sigle sindacali, in rappresentanza dei 48 lavoratori attualmente in cassa integrazione, hanno chiesto a Grandi Molini Italiani di rispettare questa scadenza visto che dal prossimo anno scadranno gli ammortizzatori sociali.
Grandi Molini, dal canto suo, ha vincolato la ripresa della propria attività di produzione di farina all’avvio dei lavori di rifacimento della banchina ed escavo dei fondali che, secondo l’accordo siglato nel 2015, l’Autorità portuale avrebbe già dovuto incominciare e che la renderà in grado di ricevere navi di maggior dimensioni.
L’authority si è detta pronta ad aprire il relativo bando per l’assegnazione dei lavori entro luglio e ha chiarito che l’intervento costerà circa 5 milioni di euro e durerà due anni.
In questo lasso di tempo Grandi Molini approvvigionerà lo stabilimento tramite trasporto su gomma e rotaia. L’azienda ha inoltre informato di avere attivato interventi per il miglioramento del collegamento tra la rete ferroviaria e lo stabilimento.