Livorno: presentato a Palazzo Rosciano il progetto “Vet-Port”

Permetterà al lavoratore portuale di acquisire competenze riconosciute a livello europeo 

 

L’obiettivo è ambizioso: assicurare ad un lavoratore portuale di acquisire un bagaglio di competenze standard riconoscibili a livello europeo che gli consentano di poter lavorare non solo a Livorno, ma anche a Rotterdam, Venezia, Valencia o Cork. È questo il traguardo che si è prefissata di raggiungere l’Autorità Portuale di Livorno con il progetto “Vet-Port” finanziato dall’Agenzia Nazionale Isfol (Istituto di Sviluppo della Formazione Professionale dei lavoratori) e presentato a Palazzo Rosciano ad imprese e addetti ai lavori.
Il progetto, di cui l’Autorità Portuale di Livorno è capofila, si inserisce nell’ambito del programma comunitario Erasmus plus 2014-2020, ed è stato strutturato assieme al PLIS di Livorno (Provincia di Livorno Sviluppo); al Consorzio Formazione Logistica Intermodale (CFLI) di Venezia; allo Stichting Group di Rotterdam; alla Fondazione Valenciaport e al Cork Institute of Tecnology (EIRE).