“L’ormeggio? Non è riconosciuto come servizio pubblico”. La sentenza del Tar che fa riflettere

Unione Piloti entra nel merito delle motivazioni. “Sminuita la natura dei Servizi Tecnico Nautici”

Una sentenza che fa discutere e lancia uno spunto di riflessione per gli operatori del settore tecnico nautico. E’ quella emessa dal Tar della Campania (questa la versione integrale Sentenza TAR Campania), in merito ad un contenzioso fra un ormeggiatore e il Ministero dei Trasporti, in cui emerge un aspetto interessante esplicitato nelle motivazioni della stessa. In esse il giudice non ha riconosciuto al servizio d’Ormeggio la natura di Servizio Pubblico.
Queste parole hanno suscitato stupore e preoccupazione. L’associazione Unione Piloti non è rimasta indifferente e vuole esprimere la propria riflessione in termini di sicurezza e rilevanza pubblica della professione.

“Una sentenza preoccupante non per il singolo caso ma per le motivazioni che il Giudice ha dato. Il collegio giudicante prima di entrare nello specifico ha evidenziato l’appartenenza del servizio di Ormeggio ai cosiddetti servizi Tecnico Nautici, intendendo per tali il pilotaggio, il rimorchio, l’ormeggio ed battellaggio. In seguito però non ha riconosciuto al servizio d’Ormeggio la natura di Servizio Pubblico, sconfessando una giurisprudenza consolidata. L’aggregazione alle imprese che esercitano servizi di interesse generale e che operano in regime di monopolio per disposizioni di legge, sembra essere stata ignorata, infatti il collegio non ha ritenuto rilevante il carattere esclusivo dell’opera prestata, l’obbligo di iscrizione nel registro, la predeterminazione delle tariffe da parte dell’Autorità Marittima e cosa che lascia veramente perplessi è sicuramente che non si è tenuto in nessuna considerazione la circostanza che l’accesso alla professione avviene mediante pubblico concorso. La natura dei servizi tecnico nautici ed in particolare degli ormeggiatori, in queste motivazioni, viene sminuita essa sembra essere riconducibile alla mera conduzione di mezzi nautici adibiti a servizi attenenti al traffico nell’ambito portuale. Non ci resta che rimanere in attesa delle considerazioni del Giudice Ordinario e delle motivazioni che ad essa vorrà dare”.

Articoli correlati:
Unione Piloti al Ministero: le nostre posizioni sui Servizi Tecnico Nautici