L’UE va verso una semplificazione delle formalità di arrivo delle navi

Protagonista della svolta la Danimarca che a nome di 13 paesi membri ha spinto la Commissione Europea in questa direzione.

L’Autorità marittima danese riferisce che la Commissione Europea ha adottato una proposta volta ad armonizzare ulteriormente le formalità di arrivo delle navi quando fanno scalo nei porti dell’UE.

All’inizio di quest’anno, la Danimarca, a nome di 13 Stati membri dell’Unione, ha inviato alla Commissione una lettera in cui sottolineava la necessità di compiere uno sforzo in questa direzione. La riduzione delle formalità  burocratiche nell’ambito dello shipping è una questione vitale per la Danimarca.

Tra i principali punti della proposta della Commissione figurano: la creazione di una piattaforma informatica comune, attraverso la quale le navi possano trasmettere le informazioni burocratiche necessarie, indipendentemente dal porto all’interno dell’UE in cui approdano;  un’unica trasmissione,  nei limiti del possibile, di tali informazioni, con l’auspicio di una maggiore condivisione delle stesse  tra gli Stati membri;  la riduzione delle formalità burocratiche di carattere nazionale richieste  dai singoli stati.

E’ previsto inoltre che l’UE vari un nuovo regolamento per la creazione di  uno Sportello Marittimo Unico Europeo, conosciuto con l’acronimo inglese EMSW (European Maritime Single Window) che sostitusca  l’attuale Direttiva sulle formalità di arrivo previste per le navi che approdano nei porti dei paesi dell’Unione.

 “In Danimarca – ha dichiarato Andreas Norseth, Direttore generale dell’Autorità marittima danese –  stiamo lavorando per la creazione di un’unica piattaforma informatica  all’interno dell’UE, alla quale far pervenire tutte le informazioni richieste, in modo da snellire le formalità burocratiche».

 «Si tratta  – ha poi aggiunto – di una priorità importante nel piano promosso dal governo per la crescita del settore marittimo danese. L’ideale sarebbe dotarsi di un comune sistema europeo che però non è esattamente quello a cui mira la proposta. Tuttavia essa rappresenta uno step importante verso il raggiungimento di un simile obiettivo».

Durante la fase preparatoria della Commissione, la Danimarca ha spinto per una radicale revisione dell’attuale legislazione UE sullo snellimento delle formalità di arrivo. L’obiettivo è creare una struttura uniforme per la raccolta delle informazioni che le navi sono tenute a trasmettere quando sono in viaggio tra i paesi che fanno parte dell’Unione. La proposta sarà ora esaminata dal Parlamento europeo e dagli Stati membri nel Consiglio europeo.