News Flash, le notizie brevi del 15.10.2018

NEWS FLASH red Rubber Stamp over a white background.

Presentata la Genoa Shipping Week 2019

Numerosi gli eventi previsti per la quarta edizione della Genoa Shipping Week, organizzata da Assagenti, l’Associazione degli agenti e dei mediatori marittimi genovesi, che dal 24 al 30 giugno 2019 porterà ancora a Genova ospiti internazionali, operatori e stakeholder dei porti e della logistica italiana, con il sostegno di Intesa Sanpaolo Private Banking. La manifestazione è stata presentata nel capoluogo ligure lo scorso 12 ottobre.  Alla conferenza stampa sono intervenuti: Alberto Banchero, presidente Assagenti; Gianni Debernardi, responsabile Area Valle D’Aosta, Piemonte e Liguria Intesa Sanpaolo Private Banking; Edoardo Rixi, viceministro Infrastrutture e Trasporti; Nicola Carlone, direttore marittimo della Liguria, comandante del Porto di Genova; Andrea Benveduti, assessore Sviluppo economico Regione Liguria; Marco Bucci, sindaco di Genova; Paolo Emilio Signorini, presidente Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale; Massimo Giacchetta, vicepresidente Camera di Commercio di Genova.

In calendario sono già segnate le date dei tradizionali appuntamenti tecnici di Port&Shipping Tech, conferenza principale della settimana a cura di ClickUtility Team, e dello Shipbrokers and Shipagents Dinner, la tradizionale cena degli agenti e dei mediatori marittimi di Genova, che ridisegna la terrazza del padiglione Jean Nouvel della Fiera di Genova in un luogo di ritrovo e confronto. Confermati anche per questa edizione #shootyourport, il concorso su Instagram per la community più social, e la Genoa Shipping Run per gli sportivi del comparto e non solo.

Spazio anche alle novità per la settimana del 2019 che vede l’ingresso di un’altra manifestazione ormai rodata per la città: Zone Portuaires Genova, organizzato da U-BOOT Lab, il festival che da quattro anni abbatte i muri tra porto e città e accompagna per mano genovesi e turisti in un viaggio tra le banchine, mostre e spettacoli teatrali e musicali. La settimana rientra negli appuntamenti in agenda 2019 del Genoa Blue Forum, promossi dal Comune di Genova, Assessorato allo Sviluppo Economico, ed è patrocinata da Regione Liguria, Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, Capitaneria di Porto di Genova e Camera di Commercio di Genova.

 

Savona, si saprà domani il nome del nuovo concessionario degli ex Cantieri Mondomarine

Savona – La decisione finale sul nuovo concessionario degli ex cantieri Mondomarine era attesa la settimana scorsa ma è stata posticipata a domani, martedì 16 ottobre 2018. La commissione interna dell’Autorità di Sistema Portuale del Mare Ligure Orientale infatti non ha ancora terminato l’esame delle proposte di Palumbo Superyachts, Monaco Marine SA e Rodriguez Cantiale Navari SpA. “Vogliono controllare tutti i dettagli”, ha dichiarato il segretario provinciale della Uil Franco Paparusso, “dopo la sentenza del TAR richiede un’attenzione particolare per evitare altri ricorsi”.

Ancona nuove dotazioni per prevenire le gestire l’inquinamento marino

Ancona – La Fulmar Barcaioli Ancona Srl, una società che opera dagli anni ’80 sia nel campo del battellaggio che in quello della raccolta e gestione dei rifiuti delle navi, dopo aver avuto in dotazione per lungo tempo la motonave Marco,  progettata principalmente per il recupero dei rifiuti liquidi prodotti dalle navi ha di recente fatto una serie di investimenti  per implementare l’efficienza e la qualità dei servizi ambientali nell’area del porto di Ancona. Tra questi figura l’acquisizione da Lamor (leader mondiale nella progettazione e realizzazione di sistemi tecnologicamente avanzati per la gestione / risoluzione di inquinamenti marini da idrocarburi)  di una serie di apparecchiature in grado di prevenire e gestire il rischio di inquinamento in linea con le più recenti norme europee. Si tratta di uno skimmer di notevole portata e di ulteriori 300 metri di barriere di contenimento (che portano il totale a 400 metri) e due rulli motorizzati.

L’obiettivo è rispondere prontamente alle esigenze del bacino portuale di Ancona sia dal punto di vista della prevenzione, sia da quello di eventuali interventi  in situazioni di allarme, riducendo, nel caso, eventuali danni causati dalla fuoriuscita di idrocarburi e sostanze oleose e minimizzando il rischio di equilibrio ambientale.