Newsflash, le brevi del 28.03.2019

L’UE finanzia il progetto E-Bridge del Porto di Genova

Il Progetto E-BRIDGE (acronimo di Emergency and BRoad Information Development for the ports of Genoa) è stato selezionato dalla Commissione europea per il co-finanziamento comunitario e rientra nel più ampio programma di interventi di rilevanza nazionale a supporto della situazione emergenziale che ha colpito l’area di Genova a seguito del crollo del Ponte Morandi. Il Progetto, presentato dal MIT e supportato da RFI, ha un valore totale di circa 12 milioni di euro, di cui la metà co-finanziati da fondi comunitari, e riguarda il complessivo adeguamento della componente immateriale per rispondere ai nuovi fabbisogni del porto. In questa prospettiva comprende: il ridisegno organizzativo ed informativo dell’ultimo miglio ferroviario; il completo adeguamento dei varchi portuali e dei gates terminalistici anche in relazione alle esigenze di connessione informativa con gli ambiti logistici esterni al perimetro portuale; la realizzazione di aree di sosta intelligenti all’interno delle infrastrutture generali del porto; la progettazione e realizzazione di un primo pilota per aree buffer esterne all’ambito portuale. L’iniziativa progettuale è impostata sulla collaborazione con UIRNet ed RFI, partner per lo sviluppo della componente infostrutturale del porto, delle connessioni con il sistema logistico nazionale e con la rete europea, rispettivamente per la componente stradale e ferroviaria. Il progetto si sviluppa in un arco temporale che va dal 2019 al 2020 termine assunto a riferimento per la realizzazione della nuova infrastruttura sostitutiva del Ponte Morandi; la proposta si propone l’accelerazione e l’ulteriore sviluppo di progetti già avviati, da leggersi, in una chiave più evoluta e sistemica in grado di fronteggiare il deficit infrastrutturale da affrontare in questo biennio.

Porto di Trapani: avviati i lavori di ammodernamento del Terminal Crociere

L’Autorità di Sistema Portuale del Mare di Sicilia Occidentale ha avviato il restyling della stazione passeggeri del porto di Trapani, per adeguarlo alle rinnovate esigenze dimensionali e di comfort degli utenti in vista di un aumento del traffico crocieristico. Il progetto di ammodernamento del Terminal Criciere e Traghetti  di Trapani sarà completato il prossimo aprile. Il costo finale previsto è di 3 milioni di euro. Nel dettaglio, il cortile interno dell’edificio sarà chiuso con una copertura leggera in ferro e vetro, in modo da farne una sala d’aspetto climatizzata per i passeggeri delle crociere. L’ingresso della stazione cambierà la sua conformazione con la netta separazione dell’accesso pedonale,  che sarà in parte coperto e reso transitabile alle persone disabili.

Arrivate nel Porto di Genova le maxi gru per la demolizione del ponte Morandi

Sono arrivate lo scvorso 18 marzo nel porto di Genova, a bordo della nave “Constance” proveniente dall’Olanda, le componenti delle 5 maxi-gru che dovranno essere montate nel cantiere Morandi per lo smantellamento dei pilastri che costituiscono le pile di Ponente del viadotto. Lo sbarco è avvenuto al Terminal C.Steinweg – GMT, specializzato in questo genere di operazioni. Trattandosi di gru dalle dimensioni eccezionali, per il loro trasporto dal porto al cantiere Morandi, sono stati necessari oltre trenta carichi eccezionali e un’ottantina di trasporti tradizionali. Lo sbarco è stato gestito dalla società Fagioli, l’azienda in ATI con Omini, Ireos e Ipe progetti a cui sono stati assegnati i lavori di demolizione del ponte Morandi.