Newsflash, le notizie brevi del 28.12.2018

I porti siciliani disertano il convegno sulla portualità nel Sud organizzato a Bari da Assoporti

Linea strategica per la portualità del sud? Ma se Assoporti non è riuscita a definire una pianificazione complessiva per gli scali del Mezzogiorno in associazione, ci chiediamo come possa farlo a livello nazionale. Questo l’interrogativo all’origine della decisione assunta dalle due Autorità di Sistema della Sicilia e dall’Autorità Portuale di Messina di disertare il convegno organizzato a Bari dall’Associazione nazionale sul tema dello sviluppo e del recupero dei porti del Mezzogiorno. Una scelta non sorprendente, ma che certo sancisce e consolida la frattura esistente e già sfociata nelle dimissioni da Assoporti dei due presidenti delle AdSP siciliane e del commissario straordinario dell’Autorità Portuale di Messina. Il convegno di Bari, che dovrebbe focalizzare l’attenzione sull’intera portualità del Mezzogiorno, è destinato a confermare e a sancire la totale incapacità di Assoporti di essere protagonista in un ruolo che dovrebbe essere istituzionale e che è invece diventato “solo formale e autoreferenziale”. Secondo i porti siciliani, affrontare il tema complessivo della portualità del Mezzogiorno travolta da una crisi senza precedenti, non compiendo uno sforzo di comprensione e di ascolto delle esigenze e delle priorità della Sicilia, significa confermare i dubbi crescenti sull’utilità stessa di Assoporti, anche e specialmente nel confronto con il governo che al convegno sulla portualità del Mezzogiorno si troverà, laddove dovesse partecipare con suoi autorevoli esponenti, senza le tre Autorità siciliane.

Le navi della flotta Grimaldi che trasportano auto nuove nei prossimi 4 mesi scaleranno  Vado Ligure invece di Savona

Dall’1 dicembre di quest’anno al 31 marzo 2019 le navi della flotta Grimaldi, che trasportano auto nuove verso i mercati mondiali, attraccheranno una volta alla settimana alle banchine vadesi del Reefer (controllato da Apm Terminals-Maersk). L’accordo siglato nei giorni scorsi dopo i danni provocati alle banchine di Savona dalla violenta mareggiata del 29 ottobre scorso, è il simbolo del reciproco aiuto fra operatori portuali e che coinvolge anche la compagnia portuale “Pippo Rebagliati”. Reefer Terminal ha messo a disposizione per i prossimi quattro mesi un’area di 20 mila metri quadrati finché non sarà pronto l’edificio multipiano di Savona Terminal Auto. Le navi della flotta NYK, invece, continueranno ad attraccare a Savona.

Dal 9 novembre è attivo presso il Terminal PSA Voltri-Pra lo svincolo telematico per i contenitori in import.

Attivato lo scorso 9 novembre presso il Terminal PSA Voltri-Pra lo svincolo telematico per ritirare i contenitori in import. Con questa tecnologia, il delivery order cartaceo diventa digitale, permettendo agli autotrasportatori di completare più velocemente le proprie operazioni presso l’Ufficio Merci e ottenere l’accesso diretto al gate in. Per beneficiare di questo servizio, basterà usare in autonomia uno dei PC Totem presso l’Ufficio Merci con il proprio codice PIN. Lo svincolo telematico, messo a disposizione dal Port Community System di Genova, coordinato dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Occidentale, è il risultato della costante collaborazione tra la piattaforma stessa (gestita da UIRNET), il Terminal PSA Voltri-Pra, la Compagnia Marittima CMA CGM e Spediporto. Questa tecnologia è  disponibile per tutte le compagnie marittime che decideranno di adottarla per i propri contenitori di importazione.