Porto di Monfalcone: dal Ministero il via libera ai dragaggi

Al porto di Monfalcone iniziano i dragaggi. Lo rende noto l’assessore all’Ambiente della Regione Friuli Sara Vito. Con il via libera del ministero dei Beni Culturali, è stato firmato il decreto interministeriale che dà la possibilità allo scalo adriatico di avviare operazioni di escavo che attendeva, come molti porti italiani, da parecchio tempo.
Il fondale scenderà a 12 metri e mezzo – ora è un metro più “alto” -, dragando 885mila metri cubi di sedimenti da spostare poi in cassa di colmata. Un’opera importante per Monfalcone, che darà, come spiega l’assessore Vito, «maggiore navigabilità» e un «incremento delle opportunità commerciali», soprattutto per cantieristica, dove ha sede uno stabilimento Fincantieri.
 «Procedura complessa» quella per approvare il dragaggio, spiega Vito, ottenuta grazie «alla perseveranza della giunta regionale attraverso la direzione Ambiente della Regione» conclude l’assessore all’Ambiente.