Puglia, la Guardia Costiera sequestra una tonnellata di pesce

Si è conclusa in Puglia nello scorso week-end l’operazione di polizia marittima “Made in Italy”, che a livello regionale ha visto impegnati per l’intera settimana gli uomini della Guardia Costiera, coordinati dal 6° Centro Controllo Area Pesca della Direzione Marittima di Bari, in un’intensa e capillare attività di controllo sulla filiera della pesca. Scopo dell’operazione,  la repressione delle frodi in commercio, a tutela della salute del consumatore e della qualità del prodotto ittico fresco immesso sul mercato nel rispetto delle norme sulla tracciabilità e l’etichettatura.

L’attività  si è concentrata nei punti di sbarco del pescato, ai fini della prevenzione e repressione dell’abusivismo e della commercializzazione degli esemplari di taglia inferiore alla minima, nonché della verifica sulla  tracciabilità e la corretta compilazione delle previste dichiarazioni dei quantitativi e delle specie pescati, ma anche presso dettaglianti e attività di ristorazione per il contrasto delle frodi in commercio e la somministrazione di prodotto in cattivo stato di conservazione.

520 i controlli complessivamente operati in tutta la Puglia, con l’accertamento di 6 reati e 29 illeciti amministrativi, per un totale di oltre 40.000 Euro di sanzioni pecuniarie comminate  ed il sequestro di una tonnellata circa di prodotto ittico.

Da segnalare l’attività svolta al momento dello sbarco del pescato da un peschereccio appena  rientrato nel porto di Mola di Bari, che ha consentito di contestare al comandante la mancata dichiarazione sul giornale di pesca del quantitativo pescato e quindi la detenzione ai fini del commercio illegale di 260 kg. di prodotto ittico vario (triglie, polpi, merluzzi, seppie e calamari) contenuto in 52 casse. Il pescato, sottoposto a sequestro, è stato interamente devoluto in beneficienza a diverse Onlus di Bari, Mola e Monopoli, in quanto ritenuto idoneo al consumo dal servizio veterinario.

Il titolare di un ristorante di Polignano a Mare, invece, è stato denunciato per frode in commercio aggravata e per il cattivo stato di conservazione degli alimenti, dal momento che i militari della Guardia Costiera  hanno rinvenuto e sottoposto a sequestro tranci di “tonno pinna gialla” di importazione, decongelato e scaduto da 10 giorni, quando il menù riportava tra le pietanze la dicitura “tagliata di tonno rosso” teoricamente fresco e di provenienza locale, per non parlare di nauseabondi tranci di “pesce spada” decongelato, anch’esso di produzione estera, che una volta deconfezionato doveva essere conservato e consumato, previa cottura, entro 24 ore.

Le attività di monitoraggio e controllo sulla commercializzazione di prodotto ittico, che rientrano nei compiti e funzioni che la Guardia Costiera esercita quale articolazione operativa del Ministero delle politiche agricole, alimentari, forestali e del turismo, proseguiranno senza soluzione di continuità nel corso delle prossime settimane.