Piombino, l’AdSP delemita le zone per gestire l’emergenza della nave Costa Diadema

09.04.20 L’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Settentrionale ha appena emesso una ordinanza (la n.9 del 2020) con la quale individua e delimita le zone portuali da destinare esclusivamente alle operazioni della nave Costa Diadema, attualmente ormeggiata presso la banchina Pecoraro dello scalo piombinese.

In particolare, sono state individuate un’Area Sterile, prioritariamente destinata alle attività previste per la gestione dell’emergenza della nave Costa Diadema, e un’area di Servizio dedicata, ancorché non in via esclusiva, alle attività di supporto e di servizio alla gestione della nave Costa Diadema.

Nella prima la circolazione è consentita esclusivamente a personale e mezzi delle amministrazioni coinvolte nella “cabina di regia” (Autorità di Sistema Portuale, USMAF, Comune di Piombino, Autorità Marittima, Polizia di Stato, Carabinieri, Guardia di Finanza, soc. Costa Crociere e Agenzia Marittima Freschi Alessandro & C.) e agli operatori dei servizi tecnico nautici e dei servizi portuali esclusivamente per esigenze di servizio e alle associazioni accreditate autorizzate dalle medesime amministrazioni. La circolazione dovrà avvenire sotto la vigilanza del personale preposto (Forze dell’Ordine e Port Security), previa richiesta di accesso all’AdSP e secondo le modalità concordate, anche per le vie brevi, dalla cabina di regia.

Anche nella seconda area la circolazione di mezzi e persone, opportunamente e specificatamente autorizzati, dovrà avvenire sotto la vigilanza della Port Security e secondo le modalità concordate, anche per le vie brevi, dalla cabina di regia. Il personale dei Servizi tecnico-nautici e i membri degli equipaggi delle navi ormeggiate nelle banchine incluse nell’Area di servizio, potranno transitare o operare autonomamente al suo interno solo in ragione dello svolgimento del loro servizio.

Ulteriori e diverse modalità di utilizzo e/o di allestimento delle aree di cui ai punti 1 e 2, riconducibili ad altre finalità, saranno sempre e comunque preventivamente autorizzate dall’AdSP, sentita la “cabina di regia.

“Questa ordinanza è il frutto di una forte sinergia tra tutte i componenti della Cabina di Regia” ha detto il responsabile dell’ufficio territoriale di Piombino dell’AdSP, Claudio Capuano, che ringrazia tutte le autorità “puntualmente solerti e disponibili a darci ogni tipo di contributo nel rispetto ognuno delle proprie competenze”

Costa Diadema nel porto di piombino, regia unica per far fronte all’emergenza

31.03.20 -Proseguono le operazioni congiunte di Autorità di Sistema, forze militari, Protezione Civile, Guardia di Finananza, Comune, Sanità Marittima e Capitaneria per fronteggiare l’emergenza Covid-19 in porto.

A seguito dell’arrivo a Piombino della nave da crociera Costa Diadema con il solo equipaggio di 1255 persone, di cui 105 italiani, l’AdSP si è attivata aprendo presso l’edificio Cisp della Stazione Marittima due aree destinate al coordinamento delle attività, rispettivamente una sala di regia e un ufficio riservato ai medici della Sanità Marittima.

Nella prima si tengono ogni giorno tre video conferenze, una estesa alle istituzioni locali per fare il punto della situazione e per risolvere le eventuali criticità e due regionali allagate anche alle realtà portuali di Civitavecchia e di Savona, alle prese con gli stessi problemi di sbarco e controllo sanitario di passeggeri o membri dell’equipaggio a rischio contagio.

«Assieme a tutte le istituzioni coinvolte – ha detto il presidente dell’AdSP, Stefano Corsini (nella foto) – stiamo monitorando con attenzione l’evolversi della situazione. La macchina organizzativa si è mossa subito, operando in piena sinergia nell’interesse della collettività. La Port Security sta lavorando a pieno regime per garantire che le attività di controllo sanitario e di sbarco siano condotte in tutta sicurezza».