Terminal PSA di Genova Prà: un nuovo servizio per gli autotrasportatori

Dal prossimo 7 gennaio al via la sperimentazione dell’innovativo servizio Truck Appointment System “L’Appuntamento” che promette di migliorare l’operatività logistica del terminal PSA Genova Pra’

03.02.19 – Il servizio, costruito sul già attivo “preavviso di arrivo” e pensato per le aziende di autotrasporto che operano sul nodo di Genova Pra’, sarà implementato ricorrendo a nuove tecnologie che metteranno in contatto diretto i sistemi dei trasportatori con quelli del terminal con una comunicazione inizialmente via “Web/App Service” e successivamente “machine to machine”.

L’iniziativa segue quella già annunciata il 16 Dicembre relativa alla “Modalità di prenotazione contenitori import” che ha reso disponibile anche la nuova App per IOS e Android dedicata all’autotrasporto e a tutta l’utenza del Terminal https://genovapramagazine.it/unapp-per-lautotrasporto-e-non-solo/, ad ulteriore conferma della forte volontà di PSA di miglioramento del servizio verso l’utenza.

L’utilizzo del Truck Appointment System “L’Appuntamento” permetterà ai trasportatori di verificare in anticipo e da remoto le operazioni da svolgere (import/export) e di riceverne la conferma o gli elementi mancanti; a seguito dell’esito positivo, i trasportatori comunicheranno al terminal “l’Appuntamento” e la relativa definizione della “finestra di prenotazione” concordata e ottimizzata – ovvero un range temporale entro il quale i trasportatori saranno attesi al terminal per essere serviti. “L’Appuntamento” costituisce un elemento di innovazione nel processo e nelle comunicazioni, finalizzato sia alla riduzione dei tempi “pre-gate” sia alla verifica della fattibilità delle attività da svolgere.

Si eviteranno inutili attese, code e conseguenti impatti sul terminal e sul territorio per operazioni di ritiro o consegna camion non ancora prenotate al momento della presentazione del trasportatore al gate di PSA Genova Pra’; ciò a beneficio dei tempi di servizio, dell’ambiente e della circolazione stradale.

RFI attiva il secondo binario di accesso al terminal di Genova Prà Mare

26.12.2019 – E’ stato attivato lo scorso 23 dicembre, con due settimane di anticipo rispetto alla previsione di gennaio 2020, il doppio binario di accesso al terminal di Genova Prà Mare. Lo rende noto l’AdSP del Mar Ligure Occidentale.

L’importante attivazione, terza delle quattro fasi complessive, consente un ulteriore potenziamento dei collegamenti tra lo scalo ferroviario ed il terminal portuale nonché un incremento della capacità nei traffici merci da e per il Porto di Genova Prà, assecondando così la crescente domanda di traffico, attuale e futura e superando definitivamente una criticità infrastrutturale che storicamente ne limitava i traffici merci.
I lavori, avviati ad inizio 2019, seguono le importanti attivazioni di giugno e novembre, nonché la lunga chiusura completa dello scalo tra ottobre e novembre. Investimento economico di circa 30 milioni di euro.

Le attività proseguiranno fino al completamento dell’ultima fase, attualmente prevista a dicembre 2020, quando verrà completato il passaggio a livello di separazione tra i movimenti ferroviari e quelli stradali, il nuovo varco doganale, il sestuplicamento degli attuali quattro binari di scalo e l’adeguamento dei sistemi di segnalamento e gestione della circolazione ai più elevati standard normativi.

Tutti gli interventi vengono coordinati e realizzati da RFI ed Italferr – società del Gruppo FS Italiane – che, insieme alle imprese appaltatrici e con la piena collaborazione di Autorità Portuale, PSA e tutti gli operatori ferroviari, stanno proseguendo nelle complesse lavorazioni con massima attenzione e costante impegno finalizzati anche a limitarne gli effetti sui traffici esistenti ed in ottica sinergica con tutti gli altri interventi di manutenzione e potenziamento infrastrutturale di RFI sulla rete ligure.

L’ulteriore potenziamento finale dell’impianto, subordinato alla realizzazione del nuovo viadotto di collegamento tra l’autostrada A10 e il Porto di Pra’, a cura Autorità Portuale, prevede l’estensione dello scalo a 7 binari di modulo 750 metri, in linea con i più moderni standard infrastrutturali delle grandi reti ferroviarie europee.