Taranto, il 30 maggio un convegno sulla sicurezza sul lavoro nelle aziende portuali

Ad organizzarlo il Dipartimento di prevenzione della Asl in collaborazione con Inail, Autorità portuale del Mar Ionio e Formedil Cpt.

“Strumenti ed Interventi di Prevenzione per il Miglioramento della Sicurezza Sul Lavoro nelle Aziende che operano nell’Area Portuale”. E’ il tema di un convegno organizzato a Taranto per il 30 maggio dal Dipartimento di prevenzione della Asl di Taranto in collaborazione con Inail Dimeila, Autorità di sistema portuale del Mar Ionio e Formedil Cpt. Sede dell’incontro, il cui inizio è previsto alle 08.30, sarà la Facoltà di Giurisprudenza presso Convento San Francesco.

L’iniziativa è finalizzata al raggiungimento degli obiettivi del progetto: “Gestione integrata nel settore marittimo-portuale” mediante il monitoraggio dei fattori di rischio, l’identificazione di soluzioni tecnologiche e l’attivazione di interventi mirati di prevenzione.

Obiettivi da perseguire attraverso un’attività integrata di assistenza e vigilanza attuata tra ASL e le istituzioni operanti in ambito portuale associata ad una mirata attività di ricerca .

Gru crollata nell’area portuale Ilva di Taranto

A tal proposito lo Spesal Asl ha sottoscritto nel luglio 2017, con la Scuola Superiore di Studi Universitari e di Prevenzione Sant’Anna di Pisa, una apposita convenzione di durata biennale per avviare un Piano di Prevenzione inteso a fornire alle imprese operanti nel porto strumenti metodologici di supporto al processo di valutazione dei rischi e di organizzazione delle attività di prevenzione e protezione.

Nel corso del convegno, dopo il saluto delle autorità, sarà presentato il progetto, i suoi obiettivi e gli strumenti operativi da mettere in campo. Sarà infatti distribuita la scheda di autovalutazione per le imprese portuali che costituirà un elemento funzionale per proseguire le attività previste dal Piano.

L’iniziativa è finalizzata al raggiungimento di un processo di autovalutazione che permetta di stabilire un livello di conformità alle disposizioni di legge, di includere un processo riflessivo all’interno del proprio assetto organizzativo sin dalla pianificazione dell’attività produttiva nelle fasi d’individuazione di obiettivi, ricerca di metodologie, monitoraggio e valutazioni successive compiute durante lo svolgimento dell’attività.

Consente, inoltre, di effettuare un riesame critico, a cadenza temporale, attraverso il quale è possibile individuare tempestivamente quali azioni correttive apportare e quali interventi di miglioramento avviare. Tale processo di autovalutazione diviene pertanto un modello che, oltre a stabilire una conformità legislativa, è di riferimento per quanto concerne l’assetto di un sistema volto alla mitigazione del rischi. Alle Rls aziendali presenti saranno infatti distribuiti questionari sulla percezione del rischio da consegnare ai lavoratori.

Relatori e moderatori:

Dott. Michele CONVERSANO (ASL TA), Dott. Cosimo SCARNERA (ASL TA), Dott. Diego DE MERICH (INAIL DiMeila ), Dott. Mauro PELLICCI (INAIL DiMeila), Dott. Giuseppe CAMPO (INAIL DiMeila), Dott. Vincenzo MAZZEO (INAIL Taranto), Dott. Virgilio COSTANZO (Ministero della Salute), Dott. Donato SALFI (ASL TA), Dott. Sergio PRETE (Autorità di Sistema Portuale), Dott. Giuseppe LECCE (Autorità di Sistema Portuale), Com. Angelo OLIVA (Capitaneria di Porto), Ing. Marisa CESARIO (Comandante Prov.le Vigili del Fuoco), Dott. Ing. Leonardo NOTA (Chimico Porto Taranto), Dott. Mario ORIOLO (Chimico Porto Taranto), Dott. Angelo CARELLA (Chimico Porto Taranto), Sig. Andrea DEL VECCHIO (RLS).