Venezia, la nave Costa Deliziosa sfiora la banchina ed uno yacht

08.07.2019 – Venezia, La nave da crociera Costa Deliziosa ha rischiato ieri di schiantarsi contro la banchina mentre era in corso in laguna una bufera di vento e pioggia. A poche centinaia di metri dal bacino di San Marco, la prua della nave per poco non ha impattato con lo yacht Elysia e alcune vaporetti utilizzati per il trasporto pubblico i cui passeggeri sono stati colti dal panico. Già lo scorso 2 giugno nel canale della Giudecca, un’altra nave da crociera, la Msc Opera era finita contro un battello granturismo, causando il ferimento di alcuni passeggeri.

Subito dopo la compagnia di navigazione Costa Crociere ha diffuso un comunicato addebitando quanto avvenuto al «violento, straordinario e improvviso evento meteorologico che ha interessato il Nord Est», e sottolineando che le violente raffiche di vento «hanno causato una deviazione durante il passaggio nel Canale della Giudecca, effettuato come sempre sotto le indicazioni del Comandante del Porto, del pilota e dei tre rimorchiatori a cui la nave era legata e che hanno con prontezza assistito la nave nella manovra».

La “Costa Deliziosa”,  mentre usciva dal porto, forse a causa delle proibitive condizioni meteo ha avuto grosse difficoltà a mantenere la rotta, costringendo il pilota a far suonare la sirena  d’emergenza, mentre i rimorchiatori di prua tentavano con fatica di “raddrizzarla”.

Sembra scontato che la Procura di Venezia, come atto dovuto, apra un fascicolo su quanto accaduto senza ipotesi almeno per il momento di reato ed indagati. Sulla vicenda interviene il Ministro dei Trasporti Danilo Toninelli che in un post su Facebook scrive:  «Ho già disposto una immediata ispezione ministeriale per verificare quanto accaduto a Venezia». «Il terzo rimorchiatore che abbiamo imposto – aggiunge il Ministro  – è stato determinante per evitare un incidente. Ma non basta. Dopo 15 anni di nulla, siamo vicini a una soluzione per togliere le grandi navi da San Marco. E lo faremo tutelando sicurezza, ambiente, turismo e occupazione».

Da registrare anche una dichiarazione del presidente dell’Autorità di Sistema Portuale Pino Musolino che ha affermato: “Ci riserviamo di avviare una tempestiva verifica per appurare se la nave avesse ricevuto i necessari permessi. Intendiamo inoltre valutare l’adozione di eventuali ulteriori misure atte a garantire che il traffico navale avvenga in piena sicurezza per la città”.

Leave A Comment